Tracce di emozioni

pensieri, emozioni e raggi di sole attraverso le tenebre

Archivi Mensili: dicembre 2005

best albums of 2005

pianomagic

1. Piano Magic – Disaffected (Green Ufos)

               

sigurros2. Sigur Rós – Takk… (Emi)

                   

stevens3. Sufjan Stevens – Illinois (Asthmatic Kitty)

                               elliott4. Matt Elliott – Drinking Songs (Acuarela)

           

yellow65. Yellow 6 – Melt Inside (Make Mine Music)

              hood6. Hood – Outside Closer (Domino)

                  

amandine7. Amandine – This Is Where Our Hearts Collide (Fat Cat)

        

espers8. Espers – The Weed Tree (Locust Music)

  

montgolfier brothers9. The Montgolfier Brothers – All My Bad Thoughts (Vespertine & Son) 
 

portroyal

10. Port-Royal – Flares (Resonant)

  

clientele11. The Clientele – Strange Geometry (Pointy)

  

squaresonbothsides12. Squares On Both Sides – Dunaj (Hausmusik)

  

gonzalez13. José González – Veneer (A Hidden Agenda)

 

staples14. Stuart A. Staples – Lucky Dog Recordings (Beggars Banquet)

  

miandlau15. Mi And L’au – Mi And L’au (Young God)

  

marconiunion16. Marconi Union – [Distance] (All Saints)

 

remoteviewer17. The Remote Viewer – Let Your Heart Draw A Line (City Centre Offices)

  

tiersen18. Yann Tiersen – Les Retrouvailles (Ici D’ailleurs)

 

earlydayminers19. Early Day Miners – All Harm Ends Here (Secretly Canadian)

 

murcof20. Murcof – Remembranza (Leaf)
     

21. Damien Jurado – On My Way To Absence (Secretly Canadian)

22. A Silver Mt. Zion – Horses In The Sky (Constellation)

23. Colleen – The Golden Morning Breaks (Leaf)

24. Mansfield. TYA – June (Téona Wagram)

25. Smog – A River Ain’t Too Much To Love (Drag City)

26. Boduf Songs – Boduf Songs (Kranky)

27. Reigns – We Lowered A Microphone Into The Ground (Jonson Family)

28. Savoy Grand – People And What They Want (Glitterhouse)

29. The Strugglers – You Win (Acuarela)

30. Songs Of Green Pheasant – Songs Of Green Pheasant (Fat Cat)

31. Lorna – Static Patterns And Souvenirs (Words On Music)

32. Goldmund – Corduroy Road (Type)

33. Yann Tiersen & Shannon Wright – Yann Tiersen & Shannon Wright (Ici D’ailleurs)

34. Holopaw – Quit +/Or Fight (Sub Pop)

35. Emiliana Torrini – Fisherman’s Woman (Rough Trade)

36. Antony & The Johnsons – I Am A Bird Now (Secretly Canadian)

37. Maximilian Hecker – Lady Sleep (Kitty-Yo)

38. Tunng – Mother’s Daughter And Other Songs (Static Caravan)

39. Laura Veirs – Year Of Meteor (Nonesuch)

40. Great Lake Swimmers – Bodies And Minds (Fargo)

41. Chuzzlewit – An Experimental Index Of The Heart (Low Voltage)

42. Kepler – Attic Salt (Troubleman Unlimited)

43. Saw – The Yellow Light (80h)

44. My Education – Italian (Thirty Ghosts)

45. Okkervil River – Black Sheep Boy (Jagjaguwar)

46. Tape – Rideau (Häpna)

47. Delaney – Delaney (Pehr)

48. Jr – La Jr (Acuarela)

49. Norfolk & Western – If You Were Born Overseas (Self Released)

50. Low – The Great Destroyer (Sub Pop)

51. Damon & Naomi – The Earth Is Blue (Acuarela)

52. Andrew Bird – The Mysterious Production Of Eggs (Fargo)

53. Deaf Center – Pale Ravine (Type)

54. Akron/Family – Akron/Family (Young God)

55. Whip – Atheist Lovesong To God (Resonant)

56. Below The Sea – Blame It On The Past (Where Are My Records)

57. Desormais – Dead Letters To Lost Friends (Intr_Version)

58. Library Tapes – Alone In The Bright Lights Of A Shattered Life (Resonant)

59. Portal – Waves & Echoes (Make Mine Music)

60. Calla – Collisions (Beggars Banquet)

61. American Analog Set – Set Free (Arts & Crafts)

62. The Zephyrs – Bright Yellow Flowers On A Dark Double Bed (Acuarela)

63. George – A Week Of Kindness (Pickled Egg)

64. Gravenhurst – Fires In Distant Buildings (Warp)

65. Thee More Shallows – More Deep Cuts (Monotreme)

66. Nine Horses – Snow Borne Sorrow (Samadhisound)

67. Half Asleep – (We Are Now) Seated In Profile (Unique Records)

68. Blindfold – Blindfold (Resonant)

69. Ezekiel Honig & Morgan Packard – Early Morning Migration (Microcosm)

70. Rothko & Caroline Ross – A Place Between (Lo Recordings)

71. Lampshade – Because Trees Can Fly (Glitterhouse)

72. Death Cab For Cutie – Plans (Atlantic)

73. Midaircondo – Shopping For Images (Type)

74. Windsor For The Derby – Giving Up The Ghosts (Secretly Canadian)

75. Silencio – Grunezeit (Carte Postale)

76. Montag – Alone Not Alone (Carpak)

77. The Decemberists – Picaresque (Kill Rock Stars)

78. The Prayers And Tears Of Arthur Digby Sellers – The Mother Of Love Emulates The Shape Of Cynthia (Bu Hanan)

79. Hitchcockgohome! – Yes, You’re Dead! (Drunk Dog)

80. Sir – Trapped In A World Of Make Believe (Unstable Ape)

note su note [7]

I post del mese di dicembre hanno avuto per titolo i seguenti brani:

  

snow is falling: movietone – the sand and the stars [drag city 2003]

never lose that feeling: swervedriver – never lose that feeling e.p. [creation 1992]

disaffected: piano magic – disaffected [green ufos 2005]

the long arm of coincidence makes my radio connections: jesamine – the long arm of coincidence [kranky 1996]

pour oublier je dors: mansfield. tya – june [téona 2005]

time is the diamond: low – trust [kranky 2002]

smell memory: múm – yesterday was dramatic, today is ok [tugboat 2000]

petals flutter, a whisper is flared: sepia hours – naive curse to leave a map [sundays in spring 2005]

cotton fields: sodastream – take me with you when you go [trifekta 2005]

all the rivers leave their bed: chuzzlewit – an experimental index of the heart [low voltage 2005]

blowin’ cool: swervedriver – mezcal head [creation 1993]

wonderful world: nine horses – snow borne sorrow [samadhisound 2005]

christmas soul: mi and l’au – mi and l’au [young god 2005]

empty roads: savoy grand – empty roads tour e.p. [self released 2005]

best of 2005: mini albums & ep’s

1. Sepia Hours – Naive Curse To Leave A Map (Sundays In Spring)

 

2. Iron & Wine – Woman King (Sub Pop)

 

 

3. Sodastream – Take Me With You When You Go (Trifekta)

                                             

 

audrey-st_LRG

4. Audrey – Audrey (Sinnbus)

                              

 

 

5. Amina – Aminaamina (Worker’s Institute)

                                     

6. Pokett – Your Picture Here (Sundays In Spring)

7. The Montgolfier Brothers – Journey’s End (Vespertine & Son)

8. Iron & Wine w/Calexico – In The Reins (Overcoat)

9. Epic 45 – England Fallen Over (Make Mine Music)

10. Explosions In The Sky – The Rescue (Temporary Residence)

11. Aroah – En El Patio Interior (Acuarela)

12. Magnolia Electric Co. – Hard To Love A Man (Secretly Canadian)

13. Music A.M. – My City Glittered Like A Breaking Wave (Quatermass)

14. Giardini Di Miró – North Atlantic Treaty Of Love pt.1 (2nd Rec)

15. Windsor For The Derby – Confianza/Visiones (Acuarela)

16. Okkervil River – Black Sheep Boy Appendix (Jagjaguwar)

17. Blonde Redhead – The Secret Society Of Butterflies (4AD)

18. James Yorkston – Hoopoe (Houston Party)

19. Montag – Goodbye Fear (Rallye)

20. Burd Early – Falling Feather (Acuarela)  

best books of 2005

1. Jonathan Safran Foer – Molto forte, incredibilmente vicino (Guanda)

                                                               

2. Jonathan Coe – Circolo chiuso (Feltrinelli)

                                       

3. Dave Eggers – La fame che abbiamo (Mondadori)

 

Quasi scontato che il libro per me più significativo, tra quelli usciti nel 2005, sia l’autentico capolavoro di Jonathan Safran Foer. Ho appena cominciato a leggerlo per la seconda volta (cosa che non sono solito fare, soprattutto in così breve tempo) e di nuovo mi sta avvincendo, commuovendo e facendo riflettere. Il suo stile è unico e riconoscibile, come la sua capacità di alternare diversi registri espressivi, senza mai risultare banale né apparire retorico. E, rileggendo il romanzo, si riescono a cogliere al meglio i precisi e minuziosi meccanismi del continuo gioco ad incastri tra le varie storie e all’interno delle stesse.

Splendido: assolutamente da leggere, e rileggere, e rileggere ancora…..

 

Altri romanzi, pubblicati in anni precedenti, che ho letto ed apprezzato quest’anno:

Richard Mason, Noi (Einaudi 2004)

Tullio Avoledo, Mare di Bering (Eianudi, 2003)

Arnon Grunberg, Dolore Fantasma (Instar, 2004)

Paola Mastrocola, Una barca nel bosco (Guanda, 2004)

Arto Paasilinna, Il mugnaio urlante (Guanda, 2003)

empty roads

Sono ormai alcuni anni che trascorro il periodo natalizio a Roma, e da allora, per stanchezza o desuetudine, l’ho sempre fatto dedicandomi in prevalenza ad attività ed interessi inevitabilmente trascurati nei mesi precedenti, ma senza andare troppo in giro per la città. Dovrei però lo stesso essermi già abituato al clima umano ed ai ritmi della città, un po’ più dilatati del solito in questi giorni.

Non è che mi aspettassi qualcosa di paragonabile alla sonnolenta quiete agostana ed alle sue strade semideserte, ma mi ha in parte sorpreso vedere la città più viva di quanto essa apparisse nella mia mente. Eppure, allontanandomi appena dal centro, riesco meglio a cogliere una sensazione di – relativa – calma, mentre attraverso strade ancora umide, sotto un fugace squarcio di cielo limpido. Sì, forse Roma è davvero un po’ più vuota e tranquilla, ma quella sensazione trova origine dentro di me, ed è come se gli stessi luoghi, la stessa luce di questa città avessero meno senso per me, nell’assenza – fortunatamente temporanea ed anche breve – di chi è capace di conferir loro significato e bellezza speciali.

Così, cammino un po’ spaesato per strade conosciute, che ora percepisco vuote, in attesa di rivederle presto popolate, oltre che dall’abituale frenesia, dai colori e dai profumi, da soli in grado di restituire loro un senso.

my compilations: #22

Dopo un periodo di previsto silenzio, ecco la mia compilation "natalizia" che, tra cenoni e pranzoni, dolci e valanghe caloriche varie, è venuta fuori un po’ come un’abbuffata, ovvero non segue un determinato filo logico-musicale come è avvenuto per alcune delle più recenti, ma raccoglie molto di quanto da me ascoltato ultimamente.

Il titolo, piuttosto adatto al periodo, è Warmer delights winter shall bring, e qui di seguito ecco copertina e tracklist:

22cover01. nine horses – wonderful world 

02. the strugglers – the disappeared

03. amandine – sparrow

04. beautiful leopard – the arguments

05. bill ricchini – dark little sea

06. arizona amp and alternator – where the wind turns the skin to leather

07. maquiladora – storyteller

08. windsor for the derby – giving up

09. mice parade – steady as she goes

10. chuzzlewit – side by side

11. saw – hiding in corners

12. isobel campbell & mark lanegan – saturday’s gone

13. samara lubelski – sister silver

14. the occasional keepers – the bracken

15. sodastream – steeps and hollows

16. mansfield. tya – pour oublier je dors

17. mi and l’au – older

18. brian mcbride – our last moment in song

christmas soul

Lei finlandese, lui francese; lei modella, lui musicista: si incontrano a Parigi ed in breve tempo diventano coppia nella vita e nella musica. Dopodiché abbandonano tutto, isolandosi dal mondo per rifugiarsi in una capanna tra i boschi finlandesi, ove trascorrono il tempo nella loro solitudine soltanto componendo e suonando musica.

Il risultato di questa storia, che tanto somiglia a una fiaba per animi romantici ed amanti incalliti della musica e dei paesaggi nordici, è l’omonimo album di debutto della coppia, Mi and L’au (Young God Records 2005); e fiabesca e sospesa non poteva non essere la loro musica, come l’ambientazione nella quale è stata concepita.

Musica spoglia, senza trucchi o sovrastrutture, essenziale nella strumentazione – voce, chitarra acustica e poco altro – e nell’interpretazione dei due; musica per l’anima, da ascoltare in completo raccoglimento, al buio e col termosifone spento, per lasciarsi accarezzare e riscaldare dolcemente dalle note delicate ed un po’ inquietanti delle quattordici piccole gemme di questo lavoro, graditissima sorpresa di fine anno.

La quiete apparentemente immobile creata con grande semplicità da Mi and L’au rende l’atmosfera soffusa ed intensa, permeata da una musica dalla cadenze rallentate con matematica precisione e con la cura che solo l’amore può recare con sé.

È strano come Mi and L’au riescano a richiamare alla mente diverse suggestioni e riferimenti musicali: dalla dilatazione ambientale di How agli accenni drakeiani di I’ve been watching e New born child, dal dolce dialogo acustico di Burns alla danza da carillon di Older, fino alle ispirazioni da colonna sonora della splendida e romantica A word in your belly. Il mood e l’atmosfera, seppur più lievi, non possono non richiamare alla mente i Dead Can Dance o le cose più accessibili dei Current 93; L’au può far pensare a Will Oldham o Devendra Banhart e compagni (non per niente Gentle soul Devendra l’ha scritta per lui), mentre la sottile voce di Mi ha qualcosa dell’intensità oscura di Lisa Gerrard, di quella dilatata di Jessica Bailiff e persino del fascino obliquo di Hope Sandoval. Eppure, il loro album mostra tratti caratteristici e pressoché unici, quasi avesse assorbito la sottile gioia della condivisione della sua scrittura e produzione, così come la luce e l’aria dei luoghi che ne hanno ospitato la nascita, elementi che restituisce da subito al suo ascolto, riuscendo ad emozionare ben oltre quanto le parole possano descrivere, fino ai brividi ed alle soglie della commozione.

È un lavoro sublime, che trasuda amore e dolcezza, sensibilità e contemplazione e che con la magia di queste sue semplici doti, da qualche giorno, mi ha completamente rapito. 

Per un Natale isolazionista…

http://www.younggodrecords.com/prodtype.asp?PT_ID=85&strPageHistory=cat

wonderful world

Dopo averla fatta decantare un po’ dopo l’acquisto per poterla meglio apprezzare in una lettura più continuativa, sto leggendo la bella raccolta di racconti La fame che abbiamo, di Dave Eggers. All’incirca a metà delle pagine totali, mi sembra già che la breve distanza di un racconto si addica ancor più all’autore rispetto a quella più lunga del romanzo, pur avendo valutato molto positivamente i suoi L’opera struggente di un formidabile genio e Conoscerete la nostra velocità. In questi racconti, Eggers conferma tutto il suo talento, qui espresso in una scrittura ancor più diretta ed efficace, come dimostra la grande valenza simbolica della sua narrazione nei brevissimi racconti di una pagina-una pagina e mezzo, che fungono quasi da interludio tra quelli dotati di una struttura più complessa e di una maggior durata in termini di pagine.

Tra quelli che ho letto finora, mi ha particolarmente impressionato il racconto dal titolo Io e tua madre, nelle cui dodici pagine la voce narrante illustra con distaccata noncuranza alla figlia la meravigliosa vita sua e della sua compagna attraverso i mirabolanti risultati da loro ottenuti. Si tratta però soltanto di aspirazioni utopistiche, la gran parte delle quali mi sento di condividere con Eggers. Così, mentre la voce narrante prepara le salse per i nachos (!) racconta in successione, come se si trattasse delle cose più scontate ed irrilevanti al mondo, del superamento della dipendenza dal petrolio attraverso la conversione all’energia eolica e solare, della deportazione di ogni specie di lobbisti in Groenlandia, della creazione di un unico esercito mondiale per la repressione dei genocidi; e poi della messa al bando dei cartelloni pubblicitari, dell’introduzione di un minimo salariale mondiale, della sconfitta di malattie quali il morbo di Parkinson e l’Aids, della sottoposizione dei network televisivi a sistemi d’accesso democratici e di pubblica utilità, della conversione delle automobili all’elettricità ed anche del divieto per legge che due parenti di primo grado potessero diventare presidenti degli Stati Uniti.

A tutto ciò Eggers aggiunge poi altre imprese a volte anche piuttosto bizzarre, e forse anche grazie ad esse il tono del racconto non risulta per nulla pesante, ma rende bene l’idea di tutte le cose che si dovrebbero e (perché no?) potrebbero fare per rendere migliore questo mondo. A me la lettura di questo racconto, anziché un senso di impotenza umana ed inanità individuale, ha comunicato qualcosa come una strana consapevolezza di ciò per cui ci si dovrebbe impegnare, per poterci lamentare un po’ meno di quanto ci circonda e avviene ogni giorno sotto i nostri occhi. E non per inseguire utopie fini a se stesse, ma per gradualmente acquisire una coscienza – individuale, prima che collettiva – delle tante storture ed assurdità del nostro mondo e, chissà, per il loro superamento, prima o poi.

blowin’ cool

Sarà perché nelle ultime settimane gli impegni mi hanno spesso trattenuto in casa oppure mi hanno confinato in zone remote della città, ma fino a ieri non avevo ancora percepito la follia che tradizionalmente travolge quasi tutti in questi giorni prenatalizi. In un raro slancio di ottimismo, mi ero addirittura spinto a pensare una certa ritrazione del movimento vorticoso di persone e mezzi quasi costretti a riversarsi per strade cittadine affollate all’inverosimile, in una sorta di rito collettivo. Oggi, purtroppo, mi sono dovuto ricredere: come al solito nulla sembra cambiare, nonostante qualche buon proposito, nonostante la crisi economica strisciante, nonostante una certa stanchezza per le tappe forzate che conducono ai giorni c.d. festivi. Girare per Roma per motivi più o meno di lavoro è praticamente impossibile, oppure si impiega il doppio del tempo a fendere la folla e cercare di oltrepassare grovigli di lamiere surriscaldate, pur con il freddo pungente di questi giorni. 

Ovviamente, per l’ennesima volta, guardo tutto ciò con un misto di fastidio, sconforto ed anche una certa commiserazione. È chiaro che neanche stavolta mi lascio coinvolgere, anzi sono sempre più distaccato, dato che di periodi come questo ne ho visti già abbastanza.

Però, proprio per un contrasto stridente con quanto mi circonda, apprezzo ancora di più la dimensione intima e riservata delle pissole cose della vita. Così, mi rifugio, tanto per cambiare, nella mia musica, ed anche mentre attraverso le strade di Roma mi estranio impassibile dal traffico, dlla confusione, dalla fibrillazione consumistica. E basta anche ritagliarsi un piccolo spazio per una semplice conversazione, tra un panino ed un’insalata, per rifuggire da tutto il resto, per avvertire quel calore umano che riscalda il cuore ed illumina l’anima.

Ancora una volta mi convinco come la felicità si trovi nelle piccole cose e vada ricercata nella schiettezza e semplicità delle persone e dei rapporti, anziché nella frenesia di attività a noi esterne e spesso anche estranee. D’accordo, forse sottolineo questi dettagli perché so che tra qualche giorno mi mancheranno per un po’. In parte sarà  anche così, ma oggi, mentre quel freddo secco e pungente che tanto mi piace avvolgeva la città e mentre tutt’intorno era un continuo affannarsi per acquisti di varia natura, ho percepito quell’armonia e quel calore umano che, come nei miei desideri, lascia il mondo all’esterno e da solo è in grado di alimentare la vita, nella sua essenza semplice ma inispendsabile. 

all the rivers leave their bed

Chuzzlewit: ovvero di come l’autoproduzione e l’assoluta indipendenza possa creare piccole gemme musicali.

È appena uscito An experimental index of the heart (Low Voltage 2005), nona opera in circa dieci anni per una band (in realtà il progetto “home-made” di Greg Prickman) che ho scoperto solo un paio d’anni fa, attraverso il file .mp3 di Lighthouse mistaken, un loro brano inedito – rimasto poi tale – capitato per puro caso alla mia attenzione.

Quel brano mi colpì subito, destando in me una certa curiosità per questo progetto, del quale sono peraltro riuscito a scoprire piuttosto poco, oltre che ha avuto la sua origine nel 1995 nel Minnesota; la particolarità di Chuzzlewit, in questo decennio, è stata soprattutto quella di aver prodotto musica in maniera totalmente autarchica ed indipendente, attraverso cd realizzati artigianalmente e distribuiti in poche centinaia di copie, oppure pubblicati da piccolissime etichette (la Earworm su tutte) in serie altrettanto limitate.

Fortunatamente, la rete ha avuto il merito di diffondere almeno un po’ la sua musica, che con grande fatica sto cercando pian piano di recuperare. Già qualche settimana fa ero stato tentato di scrivere due righe in proposito, da quando ero entrato in possesso del disco relativamente più noto di Chuzzlewit, ovvero quel Secret affinities, uscito nel 2001 per Alice in Wonder, la cui impronta indiepop confidenzial-minimale era riuscita a catturare la mia attenzione di ascoltatore, pur tra la messe di uscite recenti alla quale stento quasi a tener dietro. Ma proprio nel frattempo ho avuto notizia di quest’ultima uscita per la cassette-label (!) Low Voltage, che sono riuscito a procurami dopo accurate ricerche. An experimental index of the heart ripropone la sperimentata miscela tra leggeri brani pop, melodie sognanti e qualche beat analogico, il tutto immerso in un brodo di coltura lo-fi, più obbligato che non derivante da una scelta estetica. Proprio la bassa qualità delle registrazioni (quattro-tracce più laptop) finisce talvolta per penalizzare un po’ la resa sonora dei brani, ma da essi traspare ugualmente una scrittura fresca ed emotivamente ricca, semplice e ricercata al tempo stesso, che richiama alla mia mente i Movietone o, in particolare, certe composizioni dei Mojave 3, forse per il continuo intrecciarsi ed alternarsi tra la voce di Prickman (non così distante da quella di Neil Halstead) e quella della sua recente compagna, della quale è dato conoscere soltanto il nome, Rachel.

È musica senza grandi pretese, composta per piacere, non certo per il mercato. La ratio alla sua base non è poi tanto dissimile da quella di Sepia Hours, di cui parlavo qualche giorno fa, così come l’approccio emotivo, benché il risultato sia piuttosto diverso. Ma una considerazione accomuna queste due realtà, e tante altre: la capacità di creare ottima musica anche in una stanza, soltanto con voce, chitarra, effetti e l’ausilio di un minimo di tecnologia.

Purtroppo il destino di questa musica sembra, al giorno d’oggi, soltanto quello di restare confinata entro la conoscenza di una cerchia molto ristretta di pazienti ricercatori dai cuori sensibili. Ma Chuzzlewit senza dubbio merita un po’ d’applicazione nella ricerca della sua musica, ed in questo la rete se non altro può aiutare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: