Tracce di emozioni

pensieri, emozioni e raggi di sole attraverso le tenebre

side by side

There’s a satellite up above the cloudy night,

it brings your voice to me but only comforts partially.

I can’t see your face, all the details and the place:

it’s a memory and a sense of what’s to be.

Count the days and they’ll fade away…

       

Assolutamente non l’ho fatto apposta, ma stasera, appena uscito di casa per andare ad accogliere e riabbracciare la persona la cui assenza ho vissuto negli ultimi dieci giorni, subito all’accensione del mio fedele lettorino, ho trovato Greg Prickman (Chuzzlewit) che, con il solito tono sommesso e trasognato, cantava i versi sopra riportati. L’ennesima coincidenza in musica della mia vita mi ha fatto ovviamente sorridere, oltre ad ingenerare in me la scontata riflessione sul mio modo di vivere la distanza.

Non vivo mai bene i momenti del distacco, per quanto breve questo possa prospettarsi, ma dopo un po’ riesco ad abituarmi ad un’assenza ed una mancanza che è in primo luogo dentro di me. E a ben poco servono i palliativi della comunicazione a distanza, da me peraltro così poco amata. Proprio per questo sorridevo sentendo quelle parole, nelle quali ancora per qualche decina di minuti mi sarei immedesimato, prima di ritrovarmi ancora fianco a fianco, sguardo contro sguardo, con l’oggetto di questi miei pensieri.

Così, per tutta la serata, ho percepito forte un senso di continuità rispetto ai giorni precedenti il periodo natalizio, un po’ come se quelli trascorsi da allora fossero stati compresi in una sorta di parentesi di nulla, chiusa la quale non intravedo alcuna soluzione di continuità, quasi che il breve periodo in essa compreso fosse stato inutile e del tutto trascurabile nella mia vita.

Nonostante la calma immobile della tarda ora, sotto l’ormai immancabile pioggerella romana, da stanotte le strade della città sono un po’ meno vuote e, con esse, tutto il mio tempo sembra riacquistare senso.

Annunci

Una risposta a “side by side

  1. parolenondette2 5 gennaio 2006 alle 13:02

    Leggo e penso…a quanto possano essere incredibilmente simili certe sensazioni, certe emozioni, certi stati d’animo.
    Fra persone sconosciute…eppure così simili nel sentire.
    Un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: