Tracce di emozioni

pensieri, emozioni e raggi di sole attraverso le tenebre

incurable

Tarda serata di una giornata stancante, stranissima per tanti versi, già iniziata con una notte con poco sonno e molta rabbia per tutt’altri motivi. Poi tanti pensieri, il tentativo di trarre qualcosa di positivo dal tempo vissuto, constatandone al contempo una certa inutilità, derivante tanto da cause esterne quanto dalla mia attuale scarsa propensione e da una costante testardaggine o semplice incapacità di scendere a compromessi, di ammorbidirmi e mostrarmi per quello che non sono.

Infine, mentre altre cose – molto o pochissimo importanti – sembrano volgere in maniera almeno un po’ soddisfacente, e stanco e svuotato penso di trovare un qualche conforto, finisco ovviamente per non ricevere alcunché di buono ed anzi ottenere solo ulteriori frustrazioni che presto si traducono in incertezze e senso di inutilità ed impotenza. Ma poi sorge puntuale il dubbio se tutto ciò dipenda solo dai comportamenti altrui o se sia sempre io a perseverare nelle mie rigidità e ad essere ormai del tutto irrecuperabile. A coronamento di ciò arriva pure, puntuale e non casuale come solo la musica sa essere per chi la ama profondamente, l’ideale colonna sonora, buona per stasera e per descrivere molto altro di me. Non a caso, anche se stasera un po’ inaspettato, è il nuovo singolo di Piano Magic, Incurable, appena uscito per la Important Records. Suoni in prevalenza elettronici, molto wave nel brano che dà il titolo all’ep, più eterei e dilatati negli altri tre; ma ormai su Piano Magic non posso rivendicare più alcun tentativo di obiettività, visto che il mio tempo è sempre più sincronizzato col cuore, oltre che con la musica e le parole di Glen Johnson… 

The doctors shake their heads

They chain around the bed

They’re looking for a reason to why I’m still not dead

The medicine’s not working

I haven’t slept for days

The light is shone right through me

The skeleton is weighed

Incurable, I’m helpless – the mind and body weak

I have so much to tell you but I can’t seem to speak

Incurable, I’m lonely

The city empties out

I live inside the shadow – the shadow of a doubt

The cannons fire across me

I cannot make the trial

The seasons crash around me

The bones are in denial

My temper is a tower

The church will not provide

You closed the drawer upon me

I am unclassified

The romance of the season is wasted on the weak

I stayed in bed through snowfall

I tried to get some sleep

Invisible and broken

The spirit has moved out

Words that were unspoken, I cannot live without

A strange light beckons me this way

A strange life beckons me this way

 

 

Annunci

2 risposte a “incurable

  1. utente anonimo 22 aprile 2006 alle 19:57

    ho scoperto questo blog su ondarock…bhè…che dire…è grandioso….è meraviglioso…

  2. raffaello 23 aprile 2006 alle 16:39

    Grazia dei complimenti: a momenti arrossisco! Comunque, benvenuto e magari la prossima volta palesati…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: