Tracce di emozioni

pensieri, emozioni e raggi di sole attraverso le tenebre

birthday candles

Avvertenza: post dichiaratamente autoreferenziale.

Di solito rifuggo per carattere da ricorrenze e festeggiamenti, quindi figurarsi se mi metto ad indulgere in autocelebrazioni. Non mi è però sfuggito che oggi questo piccolo blog ha compiuto un anno e quindi, pur senza tentare inutili e superflui consuntivi, pensiero è corso spontaneo alla tiepida mattina di un anno fa, nella quale mi lanciavo nella scrittura di riflessioni ed emozioni, senza alcuna precisa finalità se non, forse, quella di riuscire ad esternare un po’ di più – innanzitutto con me stesso – esperienze di vita e considerazioni sempre latenti ma quasi sempre confinate in angoli reconditi del mio cervello e della mia anima.

Un anno dopo, la scrittura, per lo più istintiva e rilassata, priva di chissà quali pretese, è per me diventata una piacevole abitudine, compagna di elucubrazioni personali, istantanee di vita e, inevitabilmente, testimonianza permanente di altrimenti fugaci colonne sonore dei miei giorni.

Il mio spirito iniziale non è nel frattempo mutato, così come ciò che fin dall’inizio ero motivato ad esprimere, ceh oggi potrei ripetere e confermare in toto; ma forse, in un anno, nulla o troppo poco è cambiato anche in altri sensi, in un’evoluzione di vita che ogni giorno mi sembra più lenta ed incerta, anche a causa di motivazioni altalenanti e decisioni un po’ troppo confinate nella mia testa e finora scarsamente poste in pratica.

Comunque sia, da una netta prevalenza iniziale di sfoghi e questioni (troppo) personali, è ora la musica, come prevedibile, ad aver preso il sopravvento nei miei discorsi, come semplice commento a pensieri e momenti vissuti o come testimonianza, per niente seriosa, dei miei ascolti preferiti. Così, se qualcuno sarà rimasto interdetto, incappando nelle mie criptiche espressioni di vicende personali, mi auguro almeno di esser riuscito a far conoscere qualche artista o gruppo che ritenevo lo meritasse e a far così cosa gradita, solleticando un’affine sensibilità musicale in qualcuno dei non molti (ma certamente più numerosi dei due-tre iniziali) lettori di queste pagine.

Vabbé, mi sono parlato troppo addosso: non ci sono auguri da fare ne propositi futuri, essendo tutto, di qui in avanti come nell’anno appena trascorso, affidato sempre e solo all’estemporaneità, ad un po’ di pazienza ed alla mia – eccessiva! – capacità di perder tempo in pensieri su musica, emozioni ed altro ancora…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: