Tracce di emozioni

pensieri, emozioni e raggi di sole attraverso le tenebre

slight return

Ancora non riesco a smettere di stupirmi degli imperscrutabili processi neuronali che di tanto in tanto fanno riemergere ricordi relegati in qualche parte recondita della mia mente. È ovviamente superfluo aggiungere che queste lontane reminiscenze finiscono sempre per legarsi a brani musicali, piccole colonne sonore di momenti, sensazioni, spunti di riflessione. Insomma, erano un paio di giorni che mi scervellavo intorno ad un paio di strofe di un brano che avevano preso a ronzarmi in testa all’improvviso: quei pochi versi li ricordavo perfettamente, così come anche il fatto che la band che ne era stata autrice, circa una decina di anni fa, era inglese, ma non tra quelle di primissimo piano nell’ambito di quel brit-pop (nel senso buono della definizione) che allora costituiva la stragrande maggioranza dei mie ascolti. Ricordavo persino la copertina dell’album in cui quel brano era compreso (pur non possedendolo): qualcosa sul blu-verde con tante piume di pavone. Ma assolutamente non mi sovveniva né il nome della band, né il titolo del brano. Quando mi ero ormai quasi rassegnato a mobilitare qualche amico maniaco di musica come e più di me per avere ragguagli, è bastata la scontata ricerca su Google di alcuni di quei versi per recuperare questo vecchio brano dei non eccelsi Bluetones, risalente al 1996, e che già all’epoca ricordo mi aveva alquanto colpito. Così, troppo pigro per andare a recuperare la vecchia cassetta sulla quale era registrato quell’album, ho usato mezzi molto più rapidi ed efficienti per poter riascoltare quel brano che non so quale strana sinapsi mi ha così distintamente riportato alla memoria, come se fosse attuale e presente. Forse si tratta solo di un’inconscia assunzione di responsabilità o della consapevolezza che, se non sono io a porre le precondizioni per alcuni cambiamenti, non posso certo sperare in miracoli o in soluzioni provenienti dall’esterno. E, prima che queste riflessioni le facessi con la mia testa, sono arrivate in musica, sotto forma di popsong, non priva di qualche sotterraneo senso di colpa.

 

Where did you go
when things went wrong for you,
when the knives came out for you?
Where did you go?
All you needed was a friend.
You just have to ask and then…….   
You don’t have to have the solution,
you’ve got to understand the problem,
and don’t go hoping for a miracle.
All this will fade away
so I’m coming home. 
What did you learn,
locked away all on your own,
chance and your head all blown
What did you learn,
It was unfortunate,
you missed you chance to find out that  

You don’t have to have the solution,
you’ve got to understand the problem,
and don’t go hoping for a miracle.
All this will fade away
so I’m coming home,

i’m coming home
but just for a short while.

 

MP3: The Bluetones – Slight Return

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: