Tracce di emozioni

pensieri, emozioni e raggi di sole attraverso le tenebre

my compilations: #27

Era già da un po’ di tempo che volevo procedere a compilare una nuova raccolta musicale che, dopo le derive elettroniche della precedente, tornasse ad essere caratterizzata dai più consueti suoni acustici/folk/cantautorali. Oltre che dai tanti brani nel frattempo appuntati mentalmente all’ascolto degli album nei quali essi sono contenuti, la “scintilla” per porre mano a questa raccolta è giunta soprattutto dal brano posto come suo incipit che, come ho già detto, è il mio
vero e proprio ”pallino” del momento e forse per questo mi ha ulteriormente invogliato a fissarne ancor di più il ricordo. Proprio da quel brano di Flowers From The Man Who Shot Your Cousin trae il suo titolo la raccolta che, come ormai consuetudine di questo blog, è disponibile da scaricare (divisa in due parti) per quanti fossero interessati o anche semplicemente incuriositi:

01. flowers from the man who shot your cousin – lay down your arms

02. sodastream – firelines

03. tapes – dance alone

04. joan of arc – free will and testament

05. j. tillman – ties that bind

06. imaad wasif – without

07. haley bonar – us

08. the broken family band – trouble

09. dexter’s moon – (fucked-up) love story

10. mojave 3 – most days

11. great lake swimmers – where in the world are you

12. tanakh – 5 am

13. adem – crashlander

14. tunng – sweet william

15. shearwater – sing little birdie

16. this melodramatic sauna – stronger strongest

17. vetiver – no one world

18. the lancaster orchestra – we’re all gonna die

19. big eyes family players – sunday jacket

20. the r.g. morrison – night falls (edit)  

[rafcd27]   

download: tracks 1-10tracks 11-20

Annunci

2 risposte a “my compilations: #27

  1. francesco23 5 luglio 2006 alle 17:39

    grazie alle tue segnalazioni ho ascoltato gregor samsa e flowers from the man who shot your cousin. davvero ottimi ascolti, si sono impossessati del mio lettore e per un pò mi sa che non lo lasceranno.

    ieri sera sono stato a sentire i sigur ros a ferrara. bè, fantastici come sempre. e mi è venuto in mente un altro gruppo islandese che, visti i tuoi ascolti, sono sicuro ti piaceranno, se già non li conosci: si chiamano slowblow, s/t, uscito per la mobilè e distribuito in italy da wide records.
    grazie mille

    una curiosità: posso sapere che lavoro fai? dove trovi e come conosci tutti questi gruppi e il tempo per ascoltare così tante cose?
    francesco

  2. tmtd 9 luglio 2006 alle 12:58

    fa finta di fare l’avvocato.. 😛
    eppoi non ha messo nemmeno un artista giapponese a questo giro.. 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: