Tracce di emozioni

pensieri, emozioni e raggi di sole attraverso le tenebre

puzzles like you

Avevo pensato di “celebrare” il mio prossimo periodo di assenza dal blog e di relativa disintossicazione tecnologica, mettendo insieme un’altra delle mie raccolte musicali da regalare, come sempre, a quanti casualmente si imbattessero in queste pagine. Doveva essere – stranamente – una compilation molto pop ed estiva: il titolo era già stato scelto, qualcuno dei brani pure, ma poi il tempo e la pazienza sono venuti a mancare, vista anche la concitazione degli ultimi preparativi e la volontà di anticipare quanto più possibile la partenza. Chissà se recupererò mai quell’idea nei prossimi mesi, tra i mille impegni che mi attendono ed uno spirito che posso facilmente immaginare meno incline a leggerezze estive, ma per intanto ho preferito soprassedere piuttosto che dar luogo ad una raccolta troppo poco curata e ragionata. Intanto, non mi mancherà di certo la musica da ascoltare in questa estate strana e senza dubbio da ricordare: non avrò una nuova compilation ad hoc, ma il mio ideale “bagaglio” musicale è già ben fornito e tale da non farmi sentire più di tanto la mancanza della sterminata possibilità di scelta d’ascolto ed anzi utile scusa per approfondire alcuni album. Tra questi ve n’è uno che mi accompagna ormai da mesi e del quale ho già accennato tempo fa: il nuovo lavoro dei Mojave 3, “Puzzles Like You”, disco leggero e che proprio per questo non avrebbe dovuto incontrare i miei favori ma che invece mi accompagnerà di sicuro anche nelle prossime settimane. Ma del resto, non sarà una coincidenza la mia predilezione per un disco del genere in un’estate nella quale la musica dei Mojave 3 mi accompagnerà persino in riva al mare, dopo ben oltre un decennio che rifuggivo come la peste il tempo trascorso sulla spiaggia… ma tant’è, usando una terminologia che detesto, “Puzzles Like You” potrebbe ben diventare il mio “disco per l’estate” o, più verosimilmente, uno di quelli cui legare ancor di più i ricordi delle prossime settimane. Quindi, in assenza di altro, mi congedo per qualche tempo dal blog “riciclando” qui una recensione di questo disco, per una volta quasi seria, destinata ad altri luoghi ma poi non altrimenti utilizzata per una serie di casualità. Insomma, è questo ciò che penso di uno dei dischi che mi accompagneranno sotto l’ombrellone (e chi l’avrebbe detto che sarebbe stato un disco del genere e, soprattutto, che avrei finito per trascorrere qualche giorno sotto un ombrellone?!):     

 

MOJAVE 3 – PUZZLES LIKE YOU (4AD 2006)

 

Ci sono voluti oltre tre anni perché i Mojave 3 portassero a termine il seguito di quello splendido affresco di delicatezza bucolica che è stato “Spoon & Rafter”. In questo periodo, si è accentuata ed è ulteriormente maturata la propensione di Rachel Goswell e Neil Halstead, già evidenziata dai rispettivi lavori solisti, verso una forma musicale semplice, diretta e così schiettamente “pop” come mai era avvenuto nella ormai decennale storia della band risultante dalla metamorfosi sonora degli indimenticabili Slowdive.   

“Puzzles Like You” è dunque il quinto album dei Mojave 3 e sembra segnare un deciso punto di svolta nei tratti sonori della band che, progressivamente abbandonata la vena malinconica ed introspettiva di “Excuses For Travellers”, ancora presente sottotraccia in “Spoon & Rafter”, si getta a capo fitto in travolgenti composizioni di inaudita leggerezza, dando forma ad un disco solare, tipicamente estivo, forse fin troppo allegro, ma non per questo sprovvisto di una sua intima profondità.

Il cambiamento di mood e di registro espressivo traspare già nella traccia iniziale, “Truck Driving Man”, che con le sue tastiere sbarazzine dai ritmi incalzanti sembra voler metter subito in chiaro quale sarà l’andamento dell’album. Gli ormai classici duetti Halstead/Goswell (nei quali prevale nettamente la voce del primo) non evocano più la placida introspezione cui avevano abituato, ma per tutto l’album disegnano accattivanti ritornelli su melodie gioiose, costellate da un gusto a tratti un po’ nostalgico che, in episodi come “Puzzles Like You”, “Big Star Baby” e l’irresistibile “Kill The Lights”, oscilla vertiginosamente tra quello di frenetiche ballate country e addirittura disimpegnati richiami ai Beach Boys. Ed anche quando i brani presentano strutture più articolate e le chitarre sembrano prendere il sopravvento (“Breaking The Ice”) è sempre la componente melodica, veicolata dalle capacità interpretative di Halstead, a ricondurne i caratteri nell’alveo di un pop estremamente fruibile, il cui andamento spensierato, sublimato infine nella trascinante sequenza “To Hold Your Tiny Toes”-“Just A Boy”, sembra ideale per alleviare un certo disappunto per le più recenti prove dei Belle & Sebastian.

Anche se non mancano un paio di episodi dai toni sfumati (“Most Days” e la delicata ninnananna finale “The Mutineer”), il mood dell’album è decisamente virato verso canzoncine easy-listening da autoradio, ideali per disimpegnate giornate di sole, costruite come sono su ritornelli che rimangono facilmente impressi ed arrangiamenti a volte sovrabbondanti e persino un po’ ruffiani. Eppure, le lievi ed a tratti inconsistenti tracce di “Puzzles Like You” sembrano fatte apposta per entrare nella mente (e nel cuore) di chi è disposto ad avvicinarvisi senza troppe remore formali né pretese stilistiche.

È solo pop, semplice e diretto ma fatto col cuore e con una classe non comune, tale da travalicare ampiamente la fredda superficie formale e le gabbie stilistiche per sorprendere a canticchiarne gli irrestibili ritornelli di brani come "Running With Your Eyes Closed", "Kill The Lights", "Breaking The Ice" etc.

Secondo un giudizio rigorosamente formale, non vi sono molti dubbi nell’affermare che potrebbe trattarsi del peggior album dei Mojave 3: ma siccome la musica è soprattutto emozione e come tale fondamentalmente irrazionale, “Puzzles Like You” sembra non altro che l’ulteriore dimostrazione che l’ispirazione e la sensibilità musicale – ovviamente unite alle capacità compositive – di artisti come quelli in questione riescono agevolmente a travalicare categorizzazioni e giudizi stilistici, liberando in musica quanto è nel loro animo di comunicare, anche quasi a prescindere dalle connotazioni formali assunte. Ed i Mojave 3 hanno ancora senza dubbio le capacità di scrivere semplicemente "canzoni" come pochi altri artisti in circolazione.

Annunci

Una risposta a “puzzles like you

  1. utente anonimo 1 novembre 2006 alle 12:54

    Ho dato un’occhiata al tuo blog e ti faccio i miei complimenti. Anche perchè credo abbiamo molti gusti musicali in comune. Anche io sono un grosso estimatore dei Mojave 3 (e prima degli Slowdive) e devo dire che Puzzles Like You forse è il capitolo meno riuscito della loro bella e intensa avventura. Se ti capita, dai anche un’occhiata al mio sito (www.andreafannini.it). Complimenti ancora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: