Tracce di emozioni

pensieri, emozioni e raggi di sole attraverso le tenebre

when the lights go down

After 10 years, Sodastream have decided to call it a day.

Breve, concisa, definitiva. La notizia l’ho appresa proprio dal commento lasciatomi qui da feelglass (che ringrazio, nonostante avrei preferito saperlo il più tardi possibile) e trova riscontro sul sito ufficiale della band con le poche parole sopra riportate, che non lasciano certo spazio a dubbi o incertezze in proposito: Karl Smith e Pete Cohen hanno deciso di interrompere il loro sodalizio artistico.
È ovviamente superfluo, oltre che riduttivo, dire che mi dispiace molto e che la notizia ha reso ancora più grigio un pomeriggio piovoso di una giornata non proprio esaltante, come tante ultimamente. Ma qui non è delle mie reazioni che si tratta, ma della serena e semplice certezza che in futuro non potrò attendermi nuovi dischi di questo duo australiano, da me apprezzato con colpevole ritardo, al quale resteranno immancabilmente legati tanti ricordi ed emozioni.
Cosa che a me non capita quasi mai, ricordo che li ho quasi scoperti dal vivo, ascoltando in presa diretta per la prima volta molti dei loro brani. Era già “tardi”, era un mese di novembre, mi pare del 2003. Da allora, sono “entrato” nella loro musica gradualmente, apprezzandone la sensibilità, l’autenticità emotiva, le melodie soffici e raffinate di contrabbasso e chitarra acustica.
Nella sua semplicità, la musica dei Sodastream, con la sua costante e delicata coesistenza tra dolcezza e tristezza latente, non è mai stata musica “per tutti”: le melodie possono anche essere di agevole fruizione, ma solo se si è pronti ad aprirvi il cuore e lasciare che a recepire le note sia più il cuore che la testa. Non è certo musica cervellotica, musica che per essere apprezzata deve impressionare con chissà quale sovrastruttura. E forse anche per questo, perché non tutte le sensibilità possono risultare permeabili a un messaggio che può agire quasi solo su componenti emozionali, Pete e Karl non sono mai diventati famosi come avrebbero meritano, né sono mai riusciti a vivere soltanto dei proventi della loro musica, fatto nel quale si può facilmente provare a individuare la causa della loro cessata attività.
Resta, per fortuna, la loro musica, che in questi momenti accresce una commozione che non ho mai provato alla notizia dello scioglimento di una band amata e che, alla mia età, mi sorprendo di provare. Restano i tanti ricordi legati alla loro musica, su tutti due: uno che avevo già descritto qui nel dicembre 2005 e legato alla liberazione del termine delle prove di un esame di Stato che avrebbe avuto per fortuna anche esito positivo. L’altro, dello scorso agosto, mentre ero in viaggio con brani come “Tickets To The Fight” e gli altri del loro ultimo “Reservations” ad accompagnare (e in parte anche suscitare) le mie lacrime sotto una tempesta di pioggia incessante.
E resterà, purtroppo, anche il disappunto per quello l’annullamento all’ultimo minuto del concerto loro romano di circa un mese fa, in quella che sarebbe stata la seconda e ultima volta che avrei potuti vederli dal vivo, proprio nello stesso luogo in cui avevo iniziato ad amarli. Allora ancora non sapevo quello che ho saputo oggi pomeriggio, ma di certo, quando le luci si fossero spente, sarebbe sceso un velo di tristezza, come sempre quando qualcosa finisce e come avveniva sempre con i Sodastream e le loro “canzoni semplici e sincere, dalle fresche melodie ideali per accompagnare l’aria tersa di una giornata assolata, eppure segnata dalla latente consapevolezza che anche visioni così auliche possono essere velate da una sottile coltre di gocce d’acqua, la cui origine può essere non soltanto un temporale estivo” (autocit.).
Pete e Karl, mi mancherete senz’altro. E grazie di tutto, di cuore.

Annunci

Una risposta a “when the lights go down

  1. feelglass 22 febbraio 2007 alle 12:40

    commoente, sul serio. grazie per avermi citato! sulla homepage di http://www.debaser.it c’è un mio editoriale dale titolo “la passione ai tempi di myspace” dedicato all’argomento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: