Tracce di emozioni

pensieri, emozioni e raggi di sole attraverso le tenebre

eureka street

Una volta il rischio di un acquisto “al buio”, magari sulla sola base del sentito dire o di consigli da fonti affidabili, lo si poteva correre con i dischi; adesso invece è quasi impossibile e anzi l’acquisto rappresenta spesso quasi soltanto la materializzazione di scelte e giudizi già consolidati, la necessità di un supporto che testimoni una conoscenza approfondita e un apprezzamento talvolta già quasi esaurito nella durata in cui la musica è effettivamente “vissuta”.
Quella sensazione “esplorativa” legata a un acquisto basto su pochi elementi a si può però ancora provare con i libri, ed è stato proprio quello che mi è capitato di recente con “Eureka Street”, romanzo di Robert McLiam Wilson, autore per me sconosciuto fino a non molto tempo fa, ma al quale sono stato indotto ad approcciarmi più che altro da una sensazione, oltre da qualche affidabile giudizio.
Il romanzo è stata una piacevolissima scoperta, con il passo svelto e a tratti divertente, soprattutto nella prima parte, e la sapiente alternanza tra disincantate storie di trentenni in perenne crisi e analisi del tessuto socio-politico di una Belfast febbrile e romantica, con la guerra civile dell’Ulster sullo sfondo ma sempre presente. In particolare, ho trovato davvero splendide le cinque pagine del capitolo centrale, il più breve, dedicate alla città di notte, ideale "giro di boa", del romanzo tra la parte iniziale scanzonata e quella più drammatica successiva.
Ma, come spesso capita, al di là di quanto si possa descrivere in maniera del tutto razionale, è stato lo spirito del romanzo a colpirmi in senso positivo e così alcune sue frasi, sulle quali è stato facile riflettere, a volte immedesimandovi non poco. Stavolta, stranamente, le ho appuntate con diligenza e quindi ne riporto alcune qui:

Il percorso umano verso la compassione e l’empatia è disseminato di ostacoli, ma bisogna provare a percorrerlo. Per comprendere le conseguenze delle nostre azioni, dobbiamo usare tutta la nostra immaginazione. Riusciamo a capire che forse spaccare una bottiglia in testa a qualcuno non è una buona idea, solo se ci mettiamo nei suoi panni. A quel punto non possiamo più fare a meno di pensare che se ci arrivasse una bottiglia in testa ci farebbe un male cane!

La dignità ha questo di sorprendente: la trovi sempre dove meno te la aspetti

È bella l’evoluzione dei rapporti tra i sessi. Sono le ragazze a prendere l’iniziativa ormai, ma agli uomini non è ancora stato concesso il diritto di respingerle

Una ragazza mi aveva lasciato subito dopo il nostro primo bacio. «Cosa potrà essere meglio di questo?», mi aveva detto. «Non avremo mai più momenti tanto perfetti». Non mi fece piacere ammetterlo, ma aveva ragione

Annunci

3 risposte a “eureka street

  1. grandatebreccia 23 gennaio 2008 alle 19:26

    Già ebbi modo di scrivertelo privatamente, trattasi di un romanzo davvero bello, con l’atmosfera scanzonata della prima parte a renderlo allo stesso tempo leggero e irresistibile. Sicuri highlights, oltre al già citato capitoletto dedicato a Belfast by night, direi proprio il capitolo “tragico” dello scoppio dell’ordigno, autentico saggio di stile, e il primo incontro, in occasione della cena ‘organizzata’, tra Aoirghe e il protagonista: da antologia.

  2. hengie 23 gennaio 2008 alle 23:16

    io mi tengo sempre dietro una matita quando leggo, e la mia passione per le citazioni mi porta molte volte a fare veri e propri saccheggi (sottolineando sempre a tratto leggero, per non deturpare eccessivamente il libro….).

    [a dire il vero forse dovrei parlare al passato, visto il mio sopito spirito di lettrice……”io sono un gatto”, del cui acquisto ti parlai diverso tempo fa, giace sul comodino da mesi, e nonostante lo stile dell’autore mi piaccia non c’è verso che io riesca a portarmi avanti nella lettura con costanza…..e tra un po’ temo che dovrò ricominciare a leggerlo da capo…. 😦 ]

  3. Galatea 25 gennaio 2008 alle 10:03

    Contenta che ti sia piaciuto, anche se (pecco di superbia) non ne avevo dubbi 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: